logoufficialelasiciliabianco-01
logoufficialelasicilia-01
Iscriviti alla Newsletter
© 2017 Okto Srlu
Powered by Salvo Molino - Makethebrand

facebook
13/06/2017, 11:01



#LaSiciliainunbarattolo-l’-idea-di-Annamaria-


 #LaSiciliainunbarattolo l’ idea di Annamaria per espor­ta­re ovun­que le tra­di­zio­ni del­l’i­so­la



«La mia ter­ra  l’ho por­ta­ta sem­pre nel cuo­re, ma a un cer­to pun­to non mi ba­sta­va più. Così ho de­ci­so di met­ter­la let­te­ral­men­te in un ba­rat­to­lo per por­tar­la in giro per il mon­do»Dal­la co­la­zio­ne ai pri­mi e se­con­di piat­ti, fino al­l’a­pe­ri­ti­vo in bar­ca a base di bot­tar­ga, ali­ci, pe­sto al fi­noc­chiet­to, bir­re ar­ti­gia­na­li si­ci­lia­ne e bi­scot­ti di man­dor­le e pi­stac­chio. È que­sta, ma non solo, la Si­ci­lia in un ba­rat­to­lo di Anna Ma­ria Imon­di, ori­gi­na­ria di Bar­cel­lo­na Poz­zo di Got­to, in pro­vin­cia di Mes­si­na, ma cre­sciu­ta fuo­ri dal­la Si­ci­lia per esi­gen­ze la­vo­ra­ti­ve del papà.In ter­za ele­men­ta­re si è tra­sfe­ri­sce a Roma, dove re­sta fino al­l’U­ni­ver­si­tà e al­l’Ac­ca­de­mia di tea­tro, che le ha smor­za­to l’ac­cen­to si­ci­lia­no sen­za però eli­mi­nar­lo del tut­to, come le fa­ce­va­no no­ta­re i com­pa­gni di clas­se.La Si­ci­lia? L’ha por­ta­ta sem­pre nel cuo­re, an­che se a un cer­to pun­to non ba­sta­va più. E sei mesi fa ha de­ci­so di met­ter­la let­te­ral­men­te in un ba­rat­to­lo per po­ter­la espor­ta­re ovun­que, crean­do la start up che le sta già dan­do le pri­me sod­di­sfa­zio­ni.«La no­stra fi­lo­so­fia è quel­la di di­ver­tir­si man­gian­do, se­guen­do i per­cor­si che of­fria­mo nei no­stri ba­rat­to­li, dove ab­bia­mo mes­so pro­dot­ti ar­ti­gia­na­li di pic­co­le azien­de lo­ca­li con cui si è crea­ta una bel­la rete». Da con­te­ni­to­ri per olio e ver­ni­ce a la­va­gnet­ta, or­ti­cel­lo dove pian­ta­re semi di pian­te aro­ma­ti­che, po­sa­ce­ne­re con la sab­bia, cen­tro ta­vo­la. I ba­rat­to­li sono tut­ti ri­go­ro­sa­men­te ri­ci­cla­ti e ri­ci­cla­bi­li, ol­tre che per­so­na­liz­za­bi­li con gra­fi­che e fo­to­gra­fie si­ci­lia­ne rea­liz­za­te dai de­si­gner del­l’a­zien­da.Un’i­dea che ar­ri­va in ma­nie­ra ina­spet­ta­ta, men­tre Anna Ma­ria sta co­struen­do il suo fu­tu­ro. «Ho fon­da­to una so­cie­tà di or­ga­niz­za­zio­ne di even­ti, co­mu­ni­ca­zio­ne e mar­ke­ting pen­san­do di sta­bi­lir­mi nel­la ca­pi­ta­le e por­ta­re il mio tea­tro al­l’in­ter­no dei miei even­ti. Le pri­me espe­rien­ze sono sta­te nei sa­lo­ni nau­ti­ci, poi sono sta­ta con­tat­ta­ta da una nota azien­da di pro­dot­ti dol­cia­ri, azien­da di cui ho cu­ra­to pro­mo­tion e mer­chan­di­sing». Il pri­mo in­ca­ri­co che le vie­ne af­fi­da­to pa­ra­dos­sal­men­te è pro­prio in Si­ci­lia, dove la ra­gaz­za do­ve­va pro­muo­ve­re al­cu­ni sor­bet­ti al li­mo­ne. «Ven­de­re que­sto pro­dot­to nel­la pa­tria del­la gra­ni­ta è sta­ta una bel­la sfi­da, ma ce l’ab­bia­mo fat­ta e il rap­por­to con l’a­zien­da pro­se­gue tut­to­ra, ol­tre quel­li nati nel frat­tem­po con al­tre azien­de na­zio­na­li. Tut­te espe­rien­ze che mi han­no for­ma­to dal pun­to di vi­sta del mar­ke­ting, aiu­tan­do­mi a in­di­vi­dua­re pun­ti di for­za e de­bo­lez­za dei pro­dot­ti».Si­ci­lia­na nel mi­dol­lo, cre­sciu­ta a stret­to con­tat­to con le tra­di­zio­ni e con un gran­de amo­re nei con­fron­ti del­le cose buo­ne come il pane fat­to in casa o i frut­ti del­la car­ru­ba - che gli ami­ci ro­ma­ni con­si­de­ra­va­no cibo per ca­val­li - Imon­di ha un ot­ti­mo rap­por­to con la cu­ci­na na­tu­ra­le e a chi­lo­me­tro zero, che oggi può por­ta­re in giro per il mon­do. «A Roma tro­vi lo­ca­li che ven­do­no cibo si­ci­lia­no ma espor­ta­no una cul­tu­ra le­ga­ta alla no­stra re­gio­ne che non è quel­la che co­no­scia­mo noi, per­ché non ri­spet­ta al cen­to per cen­to la si­ci­lia­ni­tà». Ele­men­to fon­da­men­ta­le che l’im­pren­di­tri­ce sta cer­can­do di re­cu­pe­ra­re nel suo pro­get­to, espor­tan­do non solo il made in Si­ci­ly eno­ga­stro­no­mi­co, ma met­ten­do nel ba­rat­to­lo an­che ri­fe­ri­men­ti cul­tu­ra­li come il qua­dro del pit­to­re, la fo­to­gra­fia del fo­to­gra­fo si­ci­lia­no, un bra­no del li­bro di Ca­te­na Fio­rel­lo, la ri­cet­ta di uno chef lo­ca­le - l’a­zien­da ha an­che una li­nea per­so­na­liz­za­ta dal pa­ler­mi­ta­no Na­ta­le Giun­ta - per spe­ri­men­ta­re i veri piat­ti del­la tra­di­zio­ne.«Cul­tu­ra si­ci­lia­na vuol dire tan­to, non si li­mi­ta solo al cibo ma com­pren­de an­che co­lo­ri, pro­fu­mi, il tur­ban­te o il ven­ta­glio rea­liz­za­to dal­l’ar­ti­gia­na con le pale di fi­chi­din­dia». E c’è tut­to nel ba­rat­to­lo, che da sem­pli­ce ele­men­to di edi­li­zia di­ven­ta un og­get­to chic. «Sono con­vin­ta che l’e­le­gan­za stia nel­la sem­pli­ci­tà e amo i con­tra­sti per­ché ren­do­no un ele­men­to po­ve­ro, ab­bi­na­to ai giu­sti ac­ces­so­ri, bel­lo e ric­co di fa­sci­no».Men­tre i mar­chi più fa­mo­si ten­do­no a omo­lo­ga­re i pro­dot­ti, rac­con­ta Anna Ma­ria, il suo ba­rat­to­lo cam­bia in base alla per­so­na che lo guar­da per­ché mo­stra un vol­to nuo­vo del­la Si­ci­lia, lon­ta­na da­gli ste­reo­ti­pi di car­ret­ti si­ci­lia­ni e tam­bu­rel­li. «Sia­mo una ter­ra in evo­lu­zio­ne dove ci sono tan­te men­ti, ar­ti­sti e ar­ti­gia­ni che rea­liz­za­no og­get­ti che ven­do­no an­che al­l’e­ste­ro, sen­za che i con­ter­ra­nei ne sia­no a co­no­scen­za». «Da si­ci­lia­ni ab­bia­mo tan­to da dare, an­che se spes­so non sia­mo abi­tua­ti a ra­gio­na­re in team. Se ci unia­mo sen­za ar­ro­gan­za di­ven­tia­mo an­co­ra più for­ti - con­clu­de - per­ché la for­za non sta nel­l’in­di­vi­dua­li­tà, ma sem­pre di più nel grup­po, con cui si pos­so­no an­che su­pe­ra­re i li­mi­ti del pe­ri­me­tro si­ci­lia­no».

Giorgia Lodato
fonte: http://www.sicilianpost.it/la-sicilia-in-un-barattolo-lidea-di-anna-maria-per-esportare-ovunque-le-tradizioni-dellisola/



1

Copyright 2017 - Okto SRLU